Giovani e startup: l’innovazione agricola arriva dall’Istituto Agrario

Giovani e startup: l’innovazione agricola arriva dall’Istituto Agrario

Innovazione e creatività sono le parole d’ordine dell’iniziativa svoltasi questa mattina all’Istituto Agrario Garibaldi di Cesena: ben 30 gruppi di studenti hanno concluso il progetto Agraria Startup presentando le loro idee innovative a un pubblico formato da autorità, docenti e compagni. Agraria Startup è un percorso nel mondo imprenditoriale durato 5 mesi, durante i quali i giovani si sono impegnati nello sviluppo di idee di startup legate al mondo agroalimentare. A renderlo possibile è stato lo stretto rapporto di collaborazione dell’Istituto Agrario con CesenaLab, e il collegamento con Agri-Urban, progetto finanziato dal programma di Cooperazione Territoriale Europea, di cui il Comune di Cesena è partner attivo.

L’obiettivo è stato quello di sensibilizzare i giovani studenti ad un diverso approccio all’universo imprenditoriale, aprendo i loro orizzonti a un “nuovo modo” di fare impresa anche nel mondo agricolo, settore dalla forte tradizione storica ma con grande bisogno di innovazione. “Agraria Startup è un frutto del progetto Agriurban in cui abbiamo fatto nostra l’importanza dell’integrazione tra enti, scuola, università, aziende per nuove direzioni di sviluppo – racconta Valentina Sallustio, una delle docenti dell’Istituto che ha coordinato attivamente i ragazzi fin dall’inizio dei lavori -. In alcuni casi abbiamo visto realmente “carboni un pò spenti accendersi e brillare come le stelle” ovvero studenti sufficienti nella preparazione curriculare rivelarsi con entusiasmo e lucidità nella progettazione e sviluppo di un prodotto”.

In 5 mesi i giovani studenti affiancati da CesenaLab e dai loro attivissimi docenti, hanno strutturato 30 progetti di startup analizzando il mercato di riferimento, individuando problemi e soluzioni innovative, integrando le loro passioni con lo sviluppo di soluzioni utili a livello sociale. “In particolare – continua la Sallustio – grazie alla collaborazione con Cesenalab abbiamo offerto agli studenti un’occasione per esprimere la propria creatività in ambito agroalimentare e illustrato il percorso che va dall’accensione dell’idea alla concreta presenza di un prodotto o di un servizio nel mercato.”

Strutture autosufficienti per la coltivazione in appartamento, identificatori di malattie delle piante, produzione e utilizzo innovativo di bambù o strumenti per agevolare la seminazione nel terreno. Sono queste solo alcune delle interessanti proposte che gli studenti hanno coraggiosamente presentato a una giuria composta dai rappresentanti di Comune di Cesena, Facoltà di Agraria, Inforeattiva-progetti Erasmus, Macrolibrarsi, IT Garibaldi Da Vinci e CesenaLab, che al termine ha premiato i 3 migliori progetti che si sono distinti per innovazione, potenziale e lavoro di team.

 

“La città di Cesena ha una forte tradizione nell’agroalimentare – affermano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore alla Sostenibilità Ambientale ed Europa Francesca Lucchi – e l’opportunità che nasce dal progetto europeo AgriUrban è di promuovere e sostenere sempre più tale mercato, rafforzandone le occasioni di crescita. La sinergia nata con l’Istituto Agrario Garibaldi si è rivelata fin da subito fondamentale, ponendosi come centro di riferimento per la formazione e lo sviluppo di nuove competenze. Il tema dell’innovazione presenta anche questo settore necessità sempre più forti che potrebbero anche sfociare in opportunità professionali nuove per i giovani che si apprestano al settore. Per questo abbiamo creduto particolarmente in questo progetto, nel mettere alla prova i ragazzi, che sono sempre un terreno fertile per la creazione di nuove idee e progetti, e nell’offrirgli competenze e professionalità di carattere imprenditoriale, quali in mondo delle star up e di CesenaLab, con l’auspicio che l’esperienza proposta possa essergli di stimolo e di insegnamento per il loro futuro e, con esso, quello dell’intero settore locale”.“

Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp